Domenica 20 Ottobre 2019 07:40
RSS | Sitemap | Privacy Policy | Cookie Policy
CHI SIAMOMISSIONSTATUTOCOSA FAPROFILI PROFESSIONALI DEGLI OPERATORIORGANIGRAMMABILANCIO SOCIALEPRIVACY E COOKIE POLICYEROGAZIONI PUBBLICHE PER PROGETTI
RIFUGIATI SPRARNAUSICAALA CITTÀ DI EUFEMIAWATZON (ASL - Coop Bessimo)RIVESTIAMOCI
Laboratori interculturali nelle scuoleLaboratori teatraliArte: un Ponte tra CultureAbbracciamondo Festival
img
NewsletterArchivio NewsArchivio Newsletter

K-Pax dona a #primalepersone il risarcimento ottenuto dall’ex segretaria leghista Federica Epis, condannata per condotta discriminatoria

Breno, 13 Settembre 2019 
 
 

La Cooperativa Sociale K-Pax Onlus destina alla raccolta fondi #primalepersone i 3457 euro del risarcimento ottenuto dalla leghista Epis per condotta discriminatoria.

 

L’allora segretaria cittadina della Lega Nord di Orzinuovi, Federica Epis, aveva pubblicato (il 12 giugno 2015) un post su facebook nel quale, commentando un articolo del quotidiano BresciaOggi che dava conto delle associazioni che ospitano richiedenti asilo, scriveva: «Questo è l’elenco di tutte le cooperative fondazioni e altri operatori che con la faccetta misericordiosa di chi fa la beneficenza stanno invece lucrando sul traffico di clandestini». 

Una sentenza del Tribunale di Brescia aveva accolto il ricorso presentato da ASGI, Associazione Puerto Escondido e Cooperativa K-Pax, condannando l’esponente della della Lega al pagamento delle spese processuali e di 2 mila euro per ognuno dei ricorrenti. 

Considerata l’impellente necessità di assistere le persone escluse da ogni forma di accoglienza a causa del "decreto sicurezza" poi convertito nella legge  132/2018, la Cooperativa K-Pax Onlus ha deciso di devolvere l’intera somma del risarcimento incassato, 3457 euro, alla raccolta fondi #primalepersone, iniziativa concepita da diverse realtà sociali bresciane proprio per assistere i soggetti immigrati più fragili.


Di seguito il breve commento del Presidente di K-Pax, Carlo Cominelli:

"Alle accuse ignoranti e alle polemiche sterili, abbiamo sempre preferito i fatti. Il nostro lavoro non è "lucrare" sui migranti ma assistere gli ultimi, qualunque sia la loro nazionalità o carnagione, per condurli verso l’autonomia socioeconomica.
Per questo destiniamo molto volentieri il risarcimento ottenuto dalla Epis alla raccolta fondi #primalepersone, un’importante esperienza di accoglienza non governativa nata dal basso, nel territorio bresciano".

 
 
 
Per chi fosse interessato a sostenere la campagna www.produzionidalbasso.com/project/primalepersone   

Ultimo aggiornamento 13.09.2019







W3C XHTML 1.0W3C CSS