Venerdì 09 Dicembre 2016 02:56
RSS | Sitemap | Privacy Policy
CHI SIAMOMISSIONSTATUTOCOSA FAPROFILI PROFESSIONALI DEGLI OPERATORIORGANIGRAMMABILANCIO SOCIALE
RIFUGIATI SPRARNAUSICAALA CITTÀ DI EUFEMIAWATZON (ASL - Coop Bessimo)RIVESTIAMOCI
Laboratori interculturali nelle scuoleLaboratori teatraliArte: un Ponte tra CultureAbbracciamondo Festival
NewsletterArchivio NewsArchivio Newsletter

Il 3 agosto 2016 si è svolto il secondo incontro tra rifugiati afgani ed i bambini del grest di Piazze.
L’obiettivo? Costuire gli aquiloni, uno dei giochi più diffusi in Afghanistan.
Il vento deciso che batteva sul campo di Piazze ha messo a dura prova i giocatori. L’ansia del volo è stata più volte interrotta dalle fragorose risate al vedere gli aquiloni impigliarsi nei tetti del vicinato!

il 21 maggio 2016 i nuovi vicini si incontrano tra musica, abiti tipici e buon cibo in un pomeriggio di condivisione.

Lunedì 23 maggio 2016, i ragazzi iniziano bene la settimana con la consegna degli attestati del corso di potatura, attestati validi in tutta l’Unione Europea grazie all’accreditamento in Regione Lombardia.


PERIFERIE DELLA CURA, Confronto tra pratiche e teorie di cura dei migranti forzati

Giornata di studi dedicata a Federico Corallini.

Venerdì 16 dicembre, Auditorium Primo Levi, Via Balestrieri 6, Brescia

Pubblicato il 07.12.2016

K-P@X NEWS 57

La newsletter di novembre

Pubblicato il 17.11.2016

Eventi 2016

Appuntamenti, incontri, concerti, cene .. all’insegna dell’intercultura e dell’accoglienza.

Pubblicato il 11.11.2016

Incentivi e quote comunali, ecco come cambia l’accoglienza migranti.

Daniele Biella, Vita.it, 18 ottobre 2016

Tre i punti salienti che sanciscono, finalmente, l’abbandono dell’approccio emergenziale al tema dei richiedenti asilo, verso un’effettiva strutturazione: "ogni Comune accoglierà con una quota del 2,5 per mille abitanti, aderendo allo Sprar avrà agevolazioni e sempre meno Cas sul territorio, e con la legge di Stabilità avrà 500 euro all’anno per accolto", spiega il sottosegretario Manzione. "Recepite le nostre richieste, si premiano i Comuni virtuosi", aggiunge Biffoni, delegato Anci per l’immigrazione.

Pubblicato il 07.11.2016

ACCESS TO ASYLUM

Strumento Audiovisivo di informazioni multilingue sulla richiesta di protezione internazionale nel contesto italiano

Pubblicato il 16.06.2016

Dona il 5x1000 a K-Pax Onlus

La tua dichiarazione dei redditi può contribuire a sostenere la Cooperativa Sociale K-pax Onlus, innovativa realtà costituita da giovani operatori sociali della Valle Camonica.

K-pax Onlus si occupa di accoglienza ed integrazione di richiedenti asilo, rifugiati e persone vittime di tortura, fuggite da contesti di guerra e di violazione dei diritti umani, rischiando la vita nell’attraversata del deserto e del mediterraneo.

Non ti stiamo chiedendo un ulteriore donazione ma semplicemente di destinare quella parte di imposte che devi allo Stato, ma alla quale questo rinuncia, a favore della nostra Cooperativa Sociale.

E’ semplicissimo, ecco come fare:
1. Firma la dichiarazione dei redditi (730 e modello Unico).
2. Firma nel riquadro indicato come "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale", indicando il codice fiscale di K-pax Onlus 03018010987.

Se non hai necessità di compilare il 730 o il modello unico puoi comunque destinare il tuo 5x1000 tramite CUD.
Basterà consegnare quest’ultimo firmato e compilato con il nostro codice fiscale in busta chiusa con dicitura "5x1000" in posta o in banca o ad un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (CAF, commercialisti, etc).

Non costa nulla: Devolvere il 5 x mille a K-pax Onlus non ti costa niente e non influisce sulla scelta di devoluzione dell’8 x mille.

Pubblicato il 22.03.2013

W3C XHTML 1.0W3C CSS